5 errori da evitare in una newsletter - Early birds adv
54546
single,single-post,postid-54546,single-format-standard,qode-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,capri-ver-1.2.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1200,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
5 errori da evitare in una newsletter

5 errori da evitare in una newsletter

Economico, misurabile, facile e veloce.
L’email marketing è uno strumento strategico, utile per promuovere ed aumentare la visibilità di un’azienda sul web.
La newsletter, al contrario di come molti pensano, gioca un ruolo fondamentale in una campagna di web marketing in quanto è rivolta a persone fisiche.
Ovviamente queste risultano realmente utili se utilizzate in modo corretto.
Vediamo insieme i 5 errori da non commettere per realizzare una buona newsletter.

 

Totale assenza di grafiche e link

 
Il primo punto riguarda l’aspetto puramente estetico.
All’interno di una newsletter è bene inserire almeno un’immagine, o meglio una grafica, in grado di esprimere immediatamente l’argomento che stiamo andando a trattare all’interno della mail.
Ricorda inoltre che la newsletter deve avere una finalità, ovvero coinvolgere e invogliare i tuoi possibili clienti ad acquistare il servizio che stai offrendo loro.
Inserisci quindi dei link che portino ad esempio alla pagina servizi o contatti, in modo tale che abbiamo la possibilità di ottenere maggiori informazioni.

 

Non analizzare il target di riferimento

 
L’email marketing è uno strumento utilizzato per parlare con persone fisiche, e non con dei semplici numeri.
Uno degli errori peggiori da evitare quando si vuole impostare un messaggio d’impatto è quello di non fare una segmentazione del proprio target.
Suddividendo la tua lista di email e selezionando i contatti realmente interessanti al tipo di servizio che stai offrendo, avrai modo di scrivere un messaggio ben definito e realmente utile, portando così un valore aggiunto ai tuoi clienti.

 

Fare errori ortografici

 
Può sembrare un’ovvietà ma l’attenzione alla scrittura e soprattutto all’ortografia è di fondamentale importanza all’interno di una newsletter.
Ti è mai capitato di ricevere una mail con errori di battitura o frasi poco chiare?
Questi “piccoli” errori fanno risultare l’immagine dell’intera azienda poco curato e davvero poco credibile.
Ricorda quindi di rileggere più volte e con molta attenzione i testi che vuoi inserire all’interno della newsletter, assicurandoti che siano corretti, chiari ed immediati.

 

Non effettuare test di prova prima dell’invio

 
Gli errori di distrazione o di battitura si possono evitare dedicando qualche minuto in più all’invio di test a più persone.
Inserendo delle mail di prova, prima dell’invio definitivo, avrai modo di effettuare un controllo più dettagliato.
Si raccomanda di prestare particolare attenzione alla prova dei link, alla visualizzazione delle immagini e agli errori di ortografia.

 

Ignorare le statistiche dei report

 
Per migliorare la tua strategia di email marketing dovrai effettuare infine uno studio e un’analisi approfondita dei dati forniti dal portale utilizzato per l’invio delle tue newsletter.
È necessario leggere i dati, analizzarli e confrontarli nel corso del tempo in modo tale da comprendere dove poter migliorare per ottenere risultati maggiori.
I principali dati a cui dover fare attenzione sono “il tasso di click”, che indica la qualità del nostro messaggio e della call to action inserita, e il tasso di email recapitare, che ci aiuta a capire la qualità della nostra lista di contatti.

 

Se hai dubbi sull’argomento o vorresti approfondire uno dei punti affrontati precedentemente lasciaci un commento!

 
Se invece pensi di avere bisogno di una consulenza, contattaci!
Sei interessato ad approfondire l’argomento? Ecco alcuni articoli che potresti trovare interessanti:
http://www.earlybirdsadv.com/perche-inserire-lemail-marketing-nella-propria-strategia/
http://www.earlybirdsadv.com/5-consigli-per-newsletter-che-funziona/

Alice Tarantola

Dopo aver studiato lingue, mi trasferisco per alcuni mesi a Londra per approfondire le mie competenze della lingua inglese. Sono la Social Media Specialist di Early Birds. Adoro viaggiare, anche con l’immaginazione, e scoprire sempre cose nuove.

No Comments

Post a Comment