I differenti usi della grafica 3D - Early birds adv
52481
single,single-post,postid-52481,single-format-standard,qode-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,capri-ver-1.2.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1200,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
usi della grafica 3d

I differenti usi della grafica 3D

Occorre subito fare una premessa su cosa si intende per Grafica 3D.

Il termine 3D oggigiorno viene abusato ed utilizzato in contesti sempre meno appropriati, inquinando il suo vero significato.

Mi è capitato di leggerlo persino al supermercato mentre facevo la spesa, indeciso se comprare un dentifricio o un sapone per le mani con riportato sulla confezione il termine in questione.

Grafica 3D, Computer Grafica, Rendering 3D, Stampa 3D, 3D Stereoscopico, TV 3D, cosa sono?

Partiamo dal significato del termine 3D, ovvero 3 Dimensioni.

Prendendo in considerazione il sistema di riferimento cartesiano, un disegno su un piano è rappresentato in due dimensioni, 2D ovvero sviluppato sull’asse delle X e delle Y.

La terza dimensione viene definita dall’asse Z che ci regala la profondità.

Su un foglio A4 per esempio, abbiamo a disposizione solo due dimensioni, anche se visivamente si può raggiungere la terza, disegnando un oggetto in prospettiva, simulando in questo modo la terza dimensione, ma il supporto rimane sempre piatto.

Oggigiorno possiamo disegnare oggetti in 3 dimensioni, ma continuiamo comunque a visualizzarli in 2 dimensioni. Il monitor del computer, il foglio di carta, lo schermo del cinema, sono tutti supporti che restituiscono poi un’immagine piatta.

Qui entra in gioco la Stereoscopia, l’immagine viene sdoppiata e tramite un supporto come l’occhiale 3D noi percepiamo una terza dimensione. Questo meccanismo vale sia per un’immagine fissa che per un filmato.

immagine-1

Le TV 3D invece, sono apparecchi capaci di sdoppiare l’immagine e tramite occhialini 3D, restituire l’illusione della terza dimensione.

Ma queste TV non fanno magie, un contenuto dev’essere stato girato o prodotto mediante tecniche particolari che spesso richiedono l’utilizzo della Computer Grafica 3D.

Per Computer Grafica o CG, si intende la creazione di immagini per mezzo di un computer.

I software 3D ci permettono di progettare e disegnare in 3 dimensioni, ma oltre al campo dell’intrattenimento, dove e come viene usata la grafica tridimensionale?

In tantissimi ambiti! Analizziamo più nel dettaglio quello architettonico…

 

Rendering 3D: Il Rendering è un processo mediante il quale un computer elabora un modello o  una scena tridimensionale calcolando luci, ombre e materiali precedentemente assegnati in scena dall’utente. Queste immagini vengono spesso utilizzate in fase progettuale avendo come scopo la pre visualizzazione di un progetto non ancora esistente.

immagine-2

3D Panoramico: La scena viene renderizzata con una tecnica a 360° e mediante un software tale immagine viene processata per essere resa navigabile.

immagine-3

Realtà Aumentata: Si intende l’utilizzo di  elementi virtuali all’interno di una scena reale, in tempo reale! Inquadrando un elemento, attraverso un tablet o uno smartphone viene richiamato allo schermo un modello 3D animato, statico oppure interattivo.

 

Realtà Virtuale: Si tratta di un ambiente tridimensionale generato da un software 3D, in cui

l’utente interagisce con tale ambiente come se ci si trovasse realmente al suo interno.

Questo è reso possibile attraverso l’utilizzo di un visore che attraverso dei sensori, riconosce i movimenti dell’utente e li replica nell’ambiente 3D.

immagine-4

La fruibilità di un contenuto in realtà aumentata o virtuale è reso possibile grazie anche al Rendering in Real Time, ovvero un processo di calcolo della scena in tempo reale.

Per processare un’immagine fotorealistica un computer moderno può impiegarci anche dai 20 ai 200 minuti di calcolo, attraverso il 3D Real Time il processo di calcolo viene processato istantaneamente.

Questa tecnologia sta prendendo sempre più piede anche in campo architettonico.

Si riescono a produrre video generati in tempo reale di un interno, con una buonissima resa fotorealistica.

 

Queste sono solo alcune delle possibili applicazioni della grafica 3D, volete scoprirne altre?

#staytuned

 

Gianluca Melcangi

Studia e si laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Brera – Nuove Tecnologie. Co-Founder di Early Birds, ha lavorato e collaborato con diversi studi di Architettura, agenzie di comunicazione e produzione video, specializzandosi sempre di più nel 3D e nella Motion Graphic.

No Comments

Post a Comment