La casa intelligente - Early birds adv
53389
single,single-post,postid-53389,single-format-standard,qode-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,capri-ver-1.2.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1200,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
La casa intelligente

La casa intelligente

Negli ultimi anni la nostra quotidianità è cambiata grazie all’arrivo dello smartphone, uno strumento grazie al quali moltissime azioni sono semplificate.
Senza rendercene conto, tra noi e lo smartphone c’è un continuo scambio di informazioni.
Attraverso le applicazioni, il calendario e il gps, il nostro cellulare è in grado infatti di ricordarci gli appuntamenti, avvisarci sul traffico stradale, informarci sul numero di passi che abbiamo fatto durante il giorno, ecc.
Grazie allo smartphone è ora possibile essere sempre connessi anche con la propria casa, rendendola una casa intelligente, grazie al wi-fi e agli oggetti connessi ad esso.
Negli ultimi anni sono nate le Smart Home grazie all’Internet of things ovvero un’estensione di internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti attraverso chip e sensori grazie ai quali ci è possibile comunicare con la nostra casa: è possibile ad esempio modificare la temperatura degli ambienti, accendere la musica, attivare l’allarme, ecc.

 

Il caso Facebook: Jarvis

Il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, ogni anno si prefigge un obiettivo, un nuovo progetto.
Quello dello scorso anno consisteva nel realizzare un’intelligenza artificiale all’interno della sua casa.
Dopo sole 100 ore di programmazione, ha preso vita Jarvis, un vero e proprio maggiordomo virtuale dotato di intelligenza artificiale.
Il nome non suona nuovo: Zuckerberg si è ispirato infatti direttamente alla IA che accompagna Iron Man nelle sue avventure.
Zuckerberg ha scelto come doppiare della sua intelligenza artificiale Il divo dalla voce inconfondibile, Morgan Freeman.
J.a.r.v.i.s, acronimo di Just A Rather Very Intelligent System, non è un semplice assistente, come ad esempio Cortana di Microsoft o Siri di Apple, ma un maggiordomo a tutti gli effetti. Jarvis può essere controllato sia tramite comandi vocali che digitali, e per poter parlare con il sistema da remoto, Zuckerberg ha realizzato un bot sulla app di Messenger di Facebook. Questo sistema di intelligenza artificiale aiuta Zuckerberg nelle faccende di casa, controlla l’illuminazione, la temperatura, aziona gli elettrodomestici, avvia la musica e tiene sotto controllo i dispositivi di sicurezza, intrattiene sua figlia Max.
Grazie a Messenger, Jarvis ha la capacità di riconoscere i volti e le voci degli ospiti che suonano alla porta e, nel caso in cui a presentarsi sia un ospite gradito, consentirne l’accesso in casa. Ovviamente costruire Jarvis non è stato così semplice a causa di alcuni meccanicismi.
Zuckerberg ha dovuto lavorare a livello hardware, per andare ad integrare i dispositivi che ne erano sprovvisti (come ad esempio il tostapane) con la possibilità di connettersi alla rete Wi-fi. Zuckerberg è solo all’inizio di questo straordinario progetto che, con il passare del tempo, verrà migliorato fino a diventare impeccabile.

 

Se hai dubbi o vorresti approfondire uno dei punti affrontati precedentemente lasciaci un commento!

 

Ecco altri articoli che potresti trovare interessanti:

http://http://www.earlybirdsadv.com/facebook-un-sistema-di-traduzione-utilizzando-lintelligenza-artificiale/

http://www.earlybirdsadv.com/8-consigli-ottenere-la-felicita-nel-lavoro/

Alice Tarantola

Dopo aver studiato lingue, mi trasferisco per alcuni mesi a Londra per approfondire le mie competenze della lingua inglese. Sono la Social Media Specialist di Early Birds. Adoro viaggiare, anche con l’immaginazione, e scoprire sempre cose nuove.

Post a Comment