Blog Whole Post - Early birds adv
50821
paged,page,page-id-50821,page-template,page-template-blog-standard-whole-post,page-template-blog-standard-whole-post-php,paged-40,page-paged-40,qode-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,capri-ver-1.2.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1200,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Blog Whole Post

Publish With Pride
Facebook modifica profili personali

Facebook modifica i profili personali

Facebook modifica i profili personali e non ci avvisa!

Cambia il modo di visualizzare le informazioni di un profilo personale.

Scopriamo insieme cosa cambia e come tornare al vecchio modo di visualizzare le informazioni.

Come cambia la visualizzazione delle informazioni

Non più un riepilogo in breve delle principali informazioni che ci riguardano, ma la lista completa dei nostri impieghi passati e presenti, oltre che la carriera scolastica.

Un cambiamento non da poco, anche se Facebook sottolinea che questo non cambia nulla a livello di privacy (le informazioni erano già presenti, è cambiato solo il modo di visualizzarle; quello che ci si chiede è il motivo per cui la rilevanza venga ora data agli aspetti più legati all’ambito professionale e meno a quello privato.

Facebook modifica profili personali

 

Insomma, dov’è finito il buon vecchio “Relazione Sentimentale“?

Tranquilli!

Come modificare le informazioni di Facebook

E’ possibile modificare le voci che vengono visualizzate nel nostro Riepilogo in breve? Fortunatamente sì!

Se rientrate nelle schiere di quelli che preferiscono far conoscere la propria parte personale e tenere separata la professionale, ecco quello che dovete fare!

  1. Andate sul vostro profilo personale
  2. Sotto l’immagine di copertina, sulla sinistra, troverete il riepilogo in breve.
  3. Passandoci con il cursore noterete che apparirà la matita, cliccandoci sopra potrete accedere al pannello per modificare le informazioni personali che compaiono sulla vostra bacheca.

Da cellulare invece è sufficiente cliccare su “Aggiorna informazioni” e defleggare le notizie che non vogliamo appaiano nel nostro riepilogo.

 

Speriamo che questo articolo via sia stato utile! Per qualsiasi domanda, lasciateci un commento!

 

 

Read More
post virale home philosophy

HOME|Philosophy, quando un post diventa virale

Quando dobbiamo spiegare a un cliente le potenzialità dei social network, è difficile fargli comprendere come il raggiungimento di un buon risultato passi attraverso diversi aspetti: la qualità del messaggio, l’immagine utilizzata, la strategia di pubblicazione e la redazione di un piano editoriale che faccia in modo di mantenere i nostri utenti coinvolti e interessati.

Spesso, la difficoltà sta nel far capire come l’ambiente dei social, in particolare quello di Facebook, richieda un’attenzione verso le persone a cui ci rivolgiamo, che deve necessariamente andare oltre la volontà di vendere un prodotto o un servizio.

Ci sono invece dei casi in cui tutti gli ingredienti si mescolano nel modo migliore, andando a comporre quello che si definisce un post virale.

Nel nostro caso parliamo di più di 1000 like, più di 130 condivisioni, quasi 50 commenti.

 

Cattura

 

Non male, vero?

Facebook Ads: funzionano?

Molti si aspettano che per raggiungere questo tipo di risultati, sia necessario investire grandi somme, insomma, che “basti pagare”.

Nulla di più sbagliato.

post virale home philosophy

Per questo post, l’investimento è stato davvero irrisorio in confronto al numero di persone raggiunte e dei contatti realizzati, nell’immagine qui accanto potrete vedere l’importo investito: 9,00 €.

 

Come ottenere un risultato simile? Un ruolo fondamentale lo ricopre la targettizzazione, ovvero quel procedimento mediante il quale scegliamo il pubblico che vorremmo venisse raggiunto dal nostro post.

Se scegliamo il giusto pubblico, quello che realmente potrebbe essere interessato ai contenuti che pubblichiamo, otterremo certamente dei numeri diversi rispetto a quelli a cui andremmo incontro allargando in modo spropositato il nostro target; in molti compiono l’errore di cercare di raggiungere il maggior numero di persone possibili, ignorando il fatto che allargare la propria fan base, senza un criterio alla lunga creerà problemi e ridurrà la visibilità dei post che pubblichiamo e su cui non andremo ad aggiungere budget pubblicitario.

 

Content is the king

Ma se l’investimento non fa la differenza, cosa ha fatto in modo che questo post ottenesse i risultati di cui abbiamo parlato?

La risposta è una: il contenuto.

Il post era stato studiato per promuovere un workshop gratuito legato ai temi del real estate e della valorizzazione immobiliare; in particolare, l’oggetto della discussione era il vantaggio che l’home staging può portare ad un proprietario immobiliare in termini di tempo e guadagno.

Nel testo del post presentiamo un esempio reale, di un appartamento venduto in soli tre giorni, senza trattative sul prezzo finale o sulle commissioni dell’agenzia immobiliare; si evidenzia il lavoro di allestimento e la cura delle fotografie utilizzate per promuovere l’immobile sul mercato.

Si fa cenno ai problemi che molte persone stanno incontrando in questi anni nel vendere o affittare delle proprietà, gli si da la possibilità di assistere ad un workshop gratuito dove si cercherà di dare delle risposte ai loro problemi, si presenta una metodologia di lavoro senza cercare di vendere qualcosa, ma cercando di mettere in luce i vantaggi che possono derivare da questo tipo di servizio.

 

Per intraprendere una strategia social vincente bisogna tenere sempre a mente una regola fondamentale: se le persone pensano che abbiate a cuore i loro bisogni, si fideranno di voi. Se realmente avrete a cuore i loro bisogni, resteranno con voi.

 

Questo post e più in generale la pagina dell’agenzia immobiliare HOME|Philosophy, sono un perfetto esempio dei risultati che la giusta sinergia tra valori, filosofia aziendale e marketing possono portare.

Read More