Facebook: cosa cambia dopo lo scandalo - Early birds adv
54611
single,single-post,postid-54611,single-format-standard,qode-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,capri-ver-1.2.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1200,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
scandalo

Facebook: cosa cambia dopo lo scandalo

“Ho creato Facebook e alla fine sono responsabile di quello che accade sulla nostra piattaforma.”
Dopo lo scandalo che ha recentemente colpito Facebook, Zuckerberg ha deciso di presentare personalmente la sua posizione al riguardo del caso di Cambridge Analytica.
Attraverso svariati post Facebook pubblicati in questi giorni e attraverso la stesura di un blog, il fondatore si Facebook si è scusato pubblicamente con i suoi utenti, assicurando alcune modifiche che verranno apportate al social per garantire una maggior sicurezza dei dati personali.

In un post, Zuckerberg conferma ancora una volta che quello che è successo con Cambridge Analytica è stata una vera violazione di fiducia nei confronti di Facebook, in quanto il loro primo obiettivo dovrebbe essere quello di proteggere i dati degli utenti.
Proprio per questo, il CEO ha recentemente annunciato alcune modifiche consistenti che il suo social apporterà alla sua piattaforma.
Considerando che le persone utilizzano Facebook in svariati modi e su svariati piattaforme, hanno deciso di rafforzare le norme di sicurezza della privacy.
La responsabilità più grande di Facebook, oggi, è quella di garantire la totale sicurezza delle informazioni private degli utenti.
All’interno del suo post, Zuckerberg elenca i sei punti guida che verranno utilizzati per monitorare e controllare l’utilizzo dei dati.

 

Controllo

Innanzitutto Facebook si impegnerà a controllare maggiormente l.a piattaforma.
Verrà infatti effettuata un’analisi approfondita delle App che hanno avuto accesso ai dati personali degli utenti prima della modifica nel 2014.
Inoltre ci sarà un controllo severo di tutte quelle attività sospette svolte dalle App.
Il controllo verrà esteso anche all’interno del personale; infatti Facebook ha intenzione di escludere tutti quei programmatori che hanno avuto modo di abusare di dati personali degli utenti.

 

Informare

Sarà premura di Facebook, informare tutti gli utenti, i cui dati sono stati utilizzati in modo improprio
In seguito verrà poi eliminata/esclusa l’App che è andata contro i valori di facebook.

 

Disattivare

Se un utente ha effettuato il login ad un App con i dati inseriti su Facebook, verrà inserita una scadenza per l’utilizzo.
Se l’interessato non utilizza una determinata App per più di 3 mesi, i dati d’accesso per quell’App verranno disattivati.

 

Limitare

Ci sarà una modifica anche per quanto riguarda il Login.
Zuckerberg ha annunciato che, nella prossima versione, un’App potrà usufruire solo di pochi dati, quali nome, foto profilo e mail.
Nel momento in cui una determinata App volesse usufruire di ulteriori dati, dovrà sottoporsi ad un analisi per ottenere l’approvazione.

 

Incoraggiare

Le persone verranno incoraggiate a controllare le loro App.
Mostrando agli utenti i dati che hanno fornito a determinate App in utilizzo, avranno modo di comprendere e controllare quali dati personali hanno fornito alle applicazioni.
In futuro, ogni utente avrà la possibilità di visualizzare queste informazioni in cima al proprio Newsfeed.

 

Premiare

Prossimamente verrà ampliato il programma di segnalazione di Facebook, attraverso il quale le persone avranno modo di segnalare personalmente la presenza di abusi di dati da parte di sviluppatori.
Zuckerberg conclude il suo post rassicurando il suo pubblico.
Anche se c’è ancora molta strada da fare, Facebook si sta impegnando per garantire la sicurezza dei dati personali dei suoi utenti.
Questi sono solo alcune delle modifiche che la piattaforma vedrà in futuro.

 

Se hai dubbi sull’argomento o vorresti approfondire uno dei punti affrontati precedentemente lasciaci un commento!

Se invece pensi di avere bisogno di una consulenza, contattaci!
Sei interessato ad approfondire l’argomento? Ecco alcuni articoli che potresti trovare interessanti:
https://www.earlybirdsadv.com/definisci-il-tuo-piano-strategico-2018/
https://www.earlybirdsadv.com/nuovo-algoritmo-di-facebook-cosa-cambia-davvero/

Alice Tarantola

Dopo aver studiato lingue, mi trasferisco per alcuni mesi a Londra per approfondire le mie competenze della lingua inglese. Sono la Social Media Specialist di Early Birds. Adoro viaggiare, anche con l’immaginazione, e scoprire sempre cose nuove.

No Comments

Post a Comment